www.rieducazioneperineo.it
Testimonianza di Guarigione

 Questa è la testimonianza di una ragazza con cui ho avuto il piacere di lavorare con un dolore pelvico che si era cronicizzato e aveva compromesso la sua vita sessuale e il suo benessere generale. Pubblico la sua testimonianaza di guarigione e spero molte altre. Credo sia fondamentale per la guarigione di questa patologia leggere testimonianze di guarigione, purtroppo dr. Google spesso è spietato e quello che si legge nei forum a volte può rivelarsi un'arma a doppio taglio e lasciare un sens di frustrazione e disperazione, quante di voi avranno pensato: " ECCO NON GUARIRO' MAI...HO LA VULVODINIA NON NE VERRO' PIU' FUORI!!!" 

Non è così dalla Vulvodinia o dal dolore pelvico cronico si può guarire



Testimonianza di Leila

 

Ciao a tutti, mi chiamo Leila e ho 22 anni e sono una studentessa di fisioterapia. 
Poco meno di due anni fa sono iniziati i miei problemi, che fortunatamente ora si stanno risolvendo per il meglio. 
Nella primavera del 2016 ho avuto qualche episodio di candida, che ho curato con normali farmaci da banco, senza andare dal ginecologo. Purtroppo questi episodi hanno continuato a ripresentarsi nei mesi, e con il passare del tempo sono diventati sempre più frequenti. Nel mentre mi sono anche recata dal ginecologo, che mi ha assicurato che non c'era niente di grave e mi ha dato farmaci apposta, ma non ho notato miglioramenti: infatti il fastidio continuava a tornare spesso dopo i rapporti sessuali e restava un paio di giorni.
Durante l'autunno e l'inverno ho continuato a convivere con questa situazione, che andava piano piano peggiorando, fino a che non sono arrivata al punto di avere dolore e fastidio per circa una settimana dopo ogni rapporto. Dopo qualche mese ho deciso di tornare dal ginecologo, poichè mi era chiaro che la situazione non era normale: il fastidio, negli ultimi mesi, si era presentato anche in seguito al ciclo, probabilmente per l'irritazione causata dagli assorbenti. Purtroppo lui mi ha detto che non c'era nulla che non andava, mi ha consigliato delle creme lenitive da mettere quando avrei avuto fastidio e di indossare mutande ed assorbenti di cotone e lavarmi con un sapone non aggressivo. Ho seguito i suoi consigli ma la situazione non era migliorata: le creme calmavano il dolore sul momento ma dopo ogni rapporto con il mio ragazzo mi ritrovavo per diversi giorni a non riuscire a giocare a pallavolo, avere altri rapporti e mi dava addirittura molto fastidio a stare  seduta a lungo o camminare con indumenti stretti per esempio jeans. 
Sono ritornata dal ginecologo, che ha continuato a dire che non avevo nulla, nonostante durante la visita io mi sia messa a piangere per il troppo dolore causato dall'inserimento dello speculum. Secondo lui dovevo continuare a mettere le creme ed aspettare che passasse, quando in realtà il dolore non solo non passava, ma peggiorava di continuo. 
Cercando su internet ho visto che i miei sintomi erano molto simili alla vulvodinia, per cui a inizio settembre 2017 mi sono recata nello studio della fisioterapista Valentina Pellizzone. A questo punto i sintomi erano ulteriormente peggiorati e il dolore si presentava anche in modo spontaneo, e in più non avevo più rapporti con il mio ragazzo da più di un mese, a causa del troppo dolore durante e nei gironi a seguire. 
Valentina mi ha visitato e mi ha spiegato che per il mio problema (uno stadio iniziale di vulvodinia) avremmo dovuto fare un percorso lungo dai 3 ai 5 mesi. Da settembre ho iniziato a fare esercizi tutti i giorni per rilassare la muscolatura del pavimento pelvico e del perineo, ho iniziato a prendere integratori per bocca e applicare una crema localmente, e mi sono recata ogni settimana in studio per fare il massaggio interno, che avrebbe aiutato a rilassare i muscoli troppo contratti. In questo periodo ho continuato a giocare a pallavolo senza sforzare troppo i muscoli delle gambe e Valentina ha insegnato al mio ragazzo il massaggio interno, così che potessimo essere autonomi. 
Nei mesi successivi ho subito notato un miglioramento: avevo comunque il solito dolore ma si risolveva in meno giorni ed era meno forte. Con il passare del tempo il dolore compariva sempre meno e con minore intensità, e finalmente i rapporti erano meno dolorosi. Sono andata da Valentina fino a fine dicembre, e da quel momento ho smesso di prendere gli integratori e di applicare la crema apposta, continuo a fare gli esercizi ma più di rado e per meno tempo, e posso dire con estrema felicità di non avere avuto nemmeno un minimo dolore nell'ultimo mese :) 

Non abbattetevi, qualunque problema voi abbiate si può migliorare, se preso sotto mano da una persona competente :)